LA NOTIZIA: L’esclusione dell’appello del pubblico ministero contro le sentenze di proscioglimento nei procedimenti per reati a citazione diretta è solo un esempio delle finte e deboli garanzie della legge “Nordio” approvata in via definitiva alla Camera nella giornata di ieri; un passo indietro e non in avanti verso una società liberale.

Il commento di Michele Bontempi – penalista del Foro di Brescia

Se il principio del ragionevole dubbio e della certezza della colpevolezza (che deve imporre ad ogni giudice di lasciare libero un cittadino quando mancano le prove anche se è convinto che sia colpevole) si riflette nel fatto che una sentenza di assoluzione è essa stessa la dimostrazione che quelle prove sono insufficienti, limitare l’inappellabilità alle sole sentenze di proscioglimento per i reati meno gravi non solo tradisce la logica di partenza del ragionamento ma costituisce una accettazione consapevole da parte del legislatore che possano esserci condanne definitive sulla base di prove deboli e contrastate.
Senza che ce ne accorgiamo, con questa riforma viene creato un doppio binario nello standard probatorio: per i reati bagatellari deve prevalere il ragionevole dubbio, ma per tutti gli altri viene legalizzato un abbassamento del grado della prova al di sotto della certezza, invertendo, di fatto, la regola del ragionevole dubbio; anche un bambino, infatti, capirebbe che, se le stesse prove portano alcuni giudici ad una pronuncia di innocenza ed altri ad una decisione di colpevolezza, è razionalmente impossibile che queste prove siano certe, anche se la nuova sentenza di condanna le spaccerà come tali.
Così come chiunque è in grado di percepire l’ingiustizia di una condanna definitiva proveniente da una sentenza di appello che ha ribaltato una decisione di primo grado di assoluzione, rispetto alla quale il nostro sistema non ammette un riesame di merito ma solo di legittimità.
Quindi, paradossalmente, chi commenta favorevolmente questa finta riforma sappia che, d’ora in poi, per un furtarello al supermercato basterà l’assoluzione in primo grado per chiudere definitivamente il processo, ma si potrà continuare a finire all’ergastolo anche dopo che una corte di assise ha assolto con formula piena. Sulla base di prove deboli che lasciano aperto un ragionevole dubbio.

potrebbero interessarti…

il blog della camera penale di locri

L’osservatorio permanente: …riflessioni dei cultori del Diritto

…entra

i focus della camera penale di locri

Gli approfondimenti…

Misure di prevenzione

separazione delle carriere

Indagini e Investigazioni scientifiche

separazione delle carriere

Diritto penale militare

separazione delle carriere

E-learning

separazione delle carriere

Comunicati

separazione delle carriere

Eventi

eventi della camera penale di locri

Iniziative

separazione delle carriere

Moduli

separazione delle carriere

La nostra Storia

separazione delle carriere

News dalle Sezioni Unite

…entra

news dalle sezioni unite

Utilizzando il Form acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003 e successive modifiche Regolamento UE 2016/679. Per ulteriori informazioni sulla nostra modalità di gestione della privacy, clicca qui

    Iscriviti alla Newsletter della Camera Penale di Locri. Per rimanere sempre aggiornato.

    La nostra Newsletter invierà solo articoli inerenti il Diritto e tutte le novità del settore. Non invieremo pubblicità. Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

    Iscrivendoti alla nostra Newsletter  acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003 e successive modifiche Regolamento UE 2016/679. Per ulteriori informazioni, clicca qui

    contatti telefonici

    3314738874

    seguici sui social